ISO 55000 è uno standard, in fase di sviluppo, nel campo della gestione Asset, Questa norma si concentra sui sistemi di gestione e dell’ottimizzazione degli Asset, Lo standard britannico PAS 55 nel campo della gestione patrimoniale, è stato scelto come base per la ISO 55000.

PAS 55:2008 è lo standard di riferimento internazionale per la gestione ottimale delle risorse fisiche, fornendo la definizione di linea guida nella gestione dell’intero ciclo di vita dei beni. Si applica a qualsiasi organizzazione, pubblica o privata, regolamentato o non regolamentato, che ha una forte dipendenza dalle infrastrutture materiali o attrezzature.

PAS 55 fornisce oggettività attraverso 28 aspetti dalla buona gestione patrimoniale, dalla strategia del ciclo di vita per la manutenzione di tutti i giorni (costo / rischio / rendimento). Esso consente l’integrazione di tutti gli aspetti del ciclo di vita del bene, dal primo riconoscimento di una necessità di progettazione, acquisto, costruzione, messa in servizio, l’utilizzo o il funzionamento, la manutenzione, il rinnovo, la modifica e / o lo smaltimento finale.

Simile a questo standard, un importante collegamento sarà stabilito nella norma ISO 55000 tra la gestione patrimoniale e gli obiettivi di business. Inoltre, la gestione del rischio avrà un ruolo importante.

ISO 55000 si compone di tre parti:

  • ISO 55000 Asset Management – Panoramica, i principi e la terminologia
  • ISO 55001 Asset Management – Requisiti
  • ISO 55002 Gestione delle risorse – Guida all’applicazione della ISO 55001

28 paesi stanno partecipando allo sviluppo di ISO 55000, compresi i Paesi Bassi e il Regno Unito. ISO 55000 dovrebbe essere pubblicato nel 2014.

Gli stati partecipanti

Gli standard sono stati sviluppati dal comitato di progetto ISO 251 (ISO PC251), con i seguenti partecipanti:

Partecipanti a pieno titolo: Argentina, Australia, Canada, Cina, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, India, Irlanda, Italia, Giappone, Corea, Messico, Paesi Bassi, Perù, Portogallo, Sud Africa. Spagna, Svezia, Svizzera, Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito

Lo status di osservatore: Armenia, Austria, Belgio, Hong Kong, Iraq, Israele, Malesia, Marocco, Nuova Zelanda, Norvegia, Slovacchia, Thailandia.

Progressi ottenuti finora

Il lancio iniziale del progetto ha seguito un incontro preliminare a Londra nel giugno 2010. Successivamente, si sono verificati quattro riunioni formali del comitato completo PC251, a Melbourne (Australia), Arlington (USA), Pretoria (Sud Africa) e Praga (Repubblica Ceca), con notevole lavoro di sviluppo sia durante che tra le riunioni. Questo ha portato a due cicli di ‘lavoro bozze’, due cicli di ‘comitato Bozze’ e lo stato di “Draft International Standard (DIS) ‘.

In sintesi, il progetto è sulla buona strada per la prevista pubblicazione degli standard nel tardo 2013 / primi mesi del 2014.

I benefici attesi da una gestione in regime ISO 55000 dovrebbero essere:

  • Maggiore soddisfazione del cliente dovuto al miglioramento delle prestazioni e al controllo del servizio di consegna
  • Capacità di raggiungere e dimostrare il rapporto qualità-prezzo
  • Miglioramento della gestione dei rischi e di “corporate governance” con una chiara linea guida di controllo
  • Ritorno ottimizzato sugli investimenti e / o di crescita
  • Miglioramento della salute, la sicurezza e le prestazioni ambientali
  • Miglioramento della reputazione aziendale, tra cui il valore azionario, una maggiore soddisfazione del personale e degli appalti.
  • Fornire un linguaggio comune tra i gestori patrimoniali e finanziari. Esso definisce l’approccio integrato necessario per soddisfare le richieste delle parti interessate, ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo e fornire miglioramenti significativi delle prestazioni.

In sintesi la ISO 55000 sostiene che l’Asset Management deve creare Valore in tutte le sue sfaccettature: organizzativo, qualitativo, produttivo, di livello di servizio, tecnico ecc.

L’Asset Management deve essere strutturato in un flusso che parte dalla policy aziendale e arriva alle azioni passando per le strategie, praticamente dall’alto verso il basso.

L’Asset Management deve:

  • essere compatibile con le strategie aziendali;
  • essere integrato con i processi aziendali;
  • provvedere alle risorse per implementare un sistema di miglioramento continuo;
  • assicurare che il sistema raggiunga gli obiettivi attesi;
  • assicurare l’allineamento tra piano strategico aziendale e gli obiettivi.

L’Asset deve essere al centro del sistema.