La disponibilità A(t) di un sistema/componente (riparabile) è definita come la probabilità che un componente funzionante all’istante t = 0 non sia guasto all’istante t considerato; essa può essere valutata come rapporto tra il tempo medio di funzionamento corretto del componente stesso e il tempo totale di attività (tempo operativo e tempo dedicato alla manutenzione).

La disponibilità si può considerare sotto tre forme diverse:

  • disponibilità intrinseca (inherent availability), Ai, che rappresenta la probabilità che un sistema, utilizzato sotto particolari condizioni e in un ambiente ideale di supporto (piena disponibilità di attrezzatura, ricambi, manuali d’istruzione, personale qualificato per la manutenzione ecc.), operi in ogni istante in maniera soddisfacente;
  • disponibilità operativa (operation availability), Ao, ovvero la probabilità che un sistema utilizzato sotto particolari condizioni e in un assegnato ambiente operativo reale, operi in maniera soddisfacente quando richiesto;
  • disponibilità raggiunta (acheived availability), Aa, che rappresenta la disponibilità effettivamente raggiunta, tenendo conto anche dei ritardi logistici e amministrativi.

si può definire la grandezza complementare della disponibilità, ovvero l’indisponibilità Q(t)

A(t) + Q(t) = 1

La Indisponibilità QT di un impianto quindi può essere semplificata considerando la percentuale tra il DT (down time) ovvero il tempo perso di produzione per motivi di rottura e il tempo di calendario produttivo richiesto.

QT = DT/Calendario